Author - Luca Badanai

Chi sono? Mi chiamo Luca, classe'88, segno cancro. Fin da piccolo sono sempre stato in movimento, seguivo mio padre autotrasportatore che mi portava su e è giù per l'Italia, trasformando il mio cervello in un gps. costringevo i miei a portarmi ovunque, ricordo ancora quanto ho insistito per organizzare una gita in Friuli Venezia Giulia a 13 anni perchè era l'ultima regione d'Italia che mi mancava da mettere la bandierina. Ero un mostro in geografia sapevo un sacco di cose inutili tipo: le capitali del mondo con annesse bandiere e il nome di tutte le autostrade italiane.
Ho continuato a divorarmi atlanti, mappe e libri fotografici sognando un giorno di arrivare nei posti che mi ero segnato su una bucket list. Dato che ho fatto anni ad andare nello stesso identico posto in vacanza il mio primo passo in un paese straniero è arrivato tardi, ma ricordo come se fosse ieri la prima capitale europea che ho visitato. Praga mi accolse a 16 anni e per me fu un momento unico. Successivamente arrivò anche il mio primo volo aereo, uno tranquillo direte voi? invece no! 10 ore per andare in Repubblica Domenicana, un viaggio da privilegiato grazie a una mia cara cugina che lavorava nella compagnia aerea che mi ha portato non ho pagato un centesimo facendo il mio battesimo di volo addirittura in cabina di pilotaggio. Bayahibe è la classica località paradisiaca da cartolina nel mar dei caraibi, alloggiavo in uno di quei resort 5 stelle dove hai tutto quello che vuoi all'ora che vuoi. Avevo 17 anni poteva sembrami fantastico, ma io mi sentivo in una gabbia di matti e fu così che fui l'unico ad abbandonare le recinzioni di quel mondo di finzione per recarmi al paesino adiacente per avere un primo contatto con la gente locale e fu cosi che mi ritrovai nel retrobottega di un supermercato con una birra in mano accolto da sconosciuti stupiti di vedermi li da solo, non parlavo una sola parola di spagnolo comunicavo a gesti, ma tutto ciò mi parse meraviglioso, capii la vera essenza del viaggio, quei 10 minuti, in mezzo a quella gente valsero una settimana di vacanza tra palme e mare cristallino.
Da quel momento non mi sono mai più fermato: Nei 10 anni successivi sono arrivati altri viaggi in Europa, soprattutto in Spagna (la mia seconda casa) ma anche Londra, Parigi, Berlino e tante altre capitali europee, poi fu la volta del Messico, Stati Uniti, Marocco e via via tanti altri viaggi, weekend, festività cercavo di sfruttare tutte le ferie che avevo conciliando il tutto con il lavoro. Sapevo che non mi sarebbero più bastate le ferie che avevo, fu cosi che partii per il mio primo viaggio in Sud America zaino in spalla. Da Rio de Janeiro a Ushuaia due mesi correndo come un matto per non perdere il posto di lavoro ,dove consolidai la mia esperienza. Al mio ritorno pensai che si placasse questa mia voglia irrefrenabile di movimento ma mi sbagliavo di grosso, fu solo l'antipasto e dopo altri due viaggi a Cuba e in Giappone, presi la decisione definitiva di licenziarmi e di partire per quello che è stato il viaggio della vita, pura libertà, senza badare al tempo, lentamente. Solo con il mio zaino. Un anno e mezzo 512 giorni tanto è durato il sogno che covavo dentro da fin troppo tempo.
Oggi che sono tornato, non ho intenzione di fermarmi, sono pronto a ripartire al più presto chi viene con me, chi viene con noi, chi viene con Mondeando?

Lavorare in vendemmia in Francia

Tutto quello che c’è da sapere sulla Vendemmia in Francia. Era giugno, un giorno di pioggia a Rio de Janeiro, uno di quei giorni in cui ti svegli pieno di idee che ti sembrano meravigliose e così dopo essermi preparata la mia solita tazza di caffè solubile, ho preso il cellulare in mano. Alcuni amici folli mi avevano parlato della vendemmia in Francia e in quel...

Isla Mujeres

A Isla Mujeres non ero mai stato. Mi sono sempre immaginato quest’isola come un oasi di pace da Cancun, Uno di quei posti che dicevo prima o poi ci vado ma non ho mai avuto l’occasione, nelle ultime due volte che sono stato in Messico. COME SI ARRIVA. Da Cancun Downtown, io e Luca II abbiamo preso il bus R-1 da Avenida Tulum per Puerto Juarez, dove ci...

Cancun: l’inizio di una nuova avventura…

Sono arrivato a Cancun da pochi giorni, per me è la terza volta in questa città. Poco è cambiato rispetto a 10 anni fa quando venni per la prima volta. Cancun è una città che si ama o si odia, tutti vorrebbero evitarla, una finta Miami, che di messicano non ha proprio nulla. Se invece vi piacciano le città con enormi palazzoni direttamente affacciati sul mare, gli...

Cabo polonio: un villaggio hippy tra le dune uruguayane, dove l’unica fonte di energia è quella positiva.

Spesso accade che nel mondo si creino dei piccoli paradisi di pace e armonia in cui artisti, viaggiatori, visionari si rifugiano tentando in ogni modo di non farsi trovare. Quando questi angoli vengono scoperti, difficilmente si può rimediare al danno ed essi finiscono per perdere l’aura magica che li caratterizza. In Uruguay esiste ancora una di queste realtà...

Choquequirao: come doveva essere Machu Picchu prima della sua scoperta

L’ EPOPEA PER RAGGIUNGERE CHOQUEQUIRAO Dopo 3 mesi trascorsi in Perù, in cui ho potuto ammirare bellezze e paesaggi davvero di ogni genere e quando penso ormai che sia ora di proseguire il viaggio, proprio in quel momento, arriva Fernando, un mio caro amico argentino, che mi dice: ”We Luca, conosci Choquequirao, la seconda città Inca più grande dopo Machu...

Isole di San Blas: Una vera esperienza caraibica in un paradiso Low cost.

Solitamente, quando uno si immagina i Caraibi, la prima cosa che balena alla mente è un’isola deserta, con un paio di palme e il mare cristallino tutt’ attorno. Inconsciamente vi state immaginando proprio le Isole di San Blas! Ma non tutti sanno dove si trovano, ecco perché ritengo che siano uno degli ultimi paradisi terrestri rimasti sulla terra. Sto parlando di un...